La visita all’Abbazia di Tiglieto comincia all’area parcheggio, un ampio spazio verde a lato della strada provinciale Tiglieto-Olbicella ove sono stati restaurati gli antichi percorsi sopraelevati della piana alluvionale e si possono ammirare i resti dell’antica Ferriera e godere dello spazio per servizi e ristoro dedicato ai visitatori. 

Il percorso pedonale attrezzato, senza barriere architettoniche, attraversa il rio “fornace”, un antico corso d’acqua che proviene dalla vicina costruzione ove un tempo i monaci costruivano e cuocevano i loro mattoni. Dopo una breve passeggiata pianeggiante, il percorso si apre su una grande piana ove splendono i caldi contorni della chiesa abbaziale. 

Lo stile architettonico è riconducibile al primo costruire dell’ordine cistercense e a tipologie proprie dell’area culturale di insediamento; ad esse risultano sovrapposti interventi sei-settecenteschi, operati dalla proprietà Raggi con un profondo intervento di ristrutturazione che ha visto l’inserimento di decorazioni di gusto barocco e altri interventi che hanno uniformato l’intero complesso monumentale alla sua nuova destinazione d’uso.